Pulizia
Come pulire gli Euro
Molte volte vengono rinvenute delle monete in corso e quindi spendibili.
In genere queste monete vengono ritrovate in spiaggia, dove i bagnanti svuotano completamente le tasche dei pantaloni appendendoli all'ombrellone.
Queste, quasi sempre sono in condizioni spaventose e nessun commerciante le accetta.
A volte capita che neanche gli accettatori automatici (macchine distributrici di sigarette, alimenti e bevande) riconoscono queste monete.
Per quanto riguarda l'Euro: Le monete da 10c fino ai 2 Euro, una volta pulite mantengono quasi inalterato l'aspetto originale anche dopo moltissimo tempo.
Invece per i pezzi da 1c fino a 5c il livello di corrosione è disastroso; queste monete sono in ferro di bassissima qualità e ricoperte da un leggerissimo strato di rame.

Cosa fare in questi casi?

E' possibile portarle in banca e farsele cambiare. La banca ha l'obbligo di ritirarle e fornirci moneta nuova o banconota di equivalente valore.
Certamente verremo sottoposti ad interrogatorio di curiosità e a volte anche imbarazzante.

Per evitare questa scocciatura e perdita di tempo, conviene che ce le puliamo da soli per poi rimetterle in circolazione.

A tal proposito si legge moltissimo in rete con sistemi a volte ultra-fantasiosi, come ad esempio l'utilizzo di detergenti casalinghi, prodotti chimici ad alta pericolosità, apparecchiature ad ultrasuoni, levigatrici elettriche ecc.ecc.
Tutte soluzioni di scarsissimo effetto e pericolose.

Vediamo ora come è possibile ridare vita alle monete correnti, come l'Euro, a costo 0 ed in modo semplice. Il sistema è quello di far passare le monete tra del materiale corrosivo.
Una volta le nostre mamme lavavano l'interno delle bottiglie di vetro tramite acqua e sabbia, queste venivano agitate per poco tempo e le incrostazioni venivano esportate.

Qui facciamo la stessa cosa ma con materiali diversi perchè di reperibilità immediata.

Procuriamoci una bottiglietta di plastica dal collo largo (come quelle dei succhi di frutta), inseriamo le monete da pulire ed aggiungiamo acqua e sale grosso in grande quantità.
Ora tappiamo la bottiglia ed agitiamola per circa 1 minuto.
Al termine verifichiamo lo stato di pulizia e ripetiamo l'operazione se necessario.

Perchè il sale:
Il chicco di sale ha una conformazione irregolare e spigolosa, a differenza del granello di sabbia che è più sferico, e poi perchè è di facilissima reperibilità. Sarebbe possibile utilizzare anche del ghiaietto (come quello per gli acquari); il risultato sarebbe lo stesso ma avremmo qualche problema sul suo recupero per non intasare i lavelli di casa.
Usando il sale possiamo gettare acqua e sale direttamente nello scarico senza preoccupazioni.

Alcuni, in aggiunta al sale, inseriscono anche del bicarbonato. Questo è utile solo se dobbiamo disinfettare le monete. Non ha nessuna qualità detergente. Idem per limone e aceto, questi possono alterare il colore del metallo, grazie al loro contrasto chimico, ma non contribuiscono alla pulizia.

NON UTILIZZARE ASSOLUTAMENTE QUESTO SISTEMA PER PULIRE MONETE ANTICHE. Verrebbero danneggiate in modo permanente perdendo il proprio valore storico.
09/02/2010


FraWeb

Utenti On Line
[Iscritti: 5]   [Ospiti: 111]   [In questa pagnia: 1]

 Islero  FraWeb  giuse11  monta96  Dany83 

I.ME.DE. Club - Italia Metal Detector - Copyright © IMEDE.it (2009 - 2020)   Vietata la copia e la riproduzione anche parziale del layout e dei contenuti.
Richiesta Informazioni